Elaborare il lutto e ricominciare

0

Posted by francesca de dominicis | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 01-05-2016

Tag:, , , , , , , , ,

Difficile anche parlarne. Dopo sei anni. Qualcuno non è più tornato, troppo doloroso.
Se guardiamo alle foto rigogliose anche solo dello scorso anno. Poi tutti i guai con l’acqua, le angherie, i furti e poi… la spianata.
Vero è che abbiamo lasciato ma fa male, tanto male ugualmente.

Marco ci racconta che una volta a settimana andava a visitare il nostro “primo” orto, un po’ per “elaborare” la perdita e meno prosaicamente per raccogliere quello che ancora, spontaneamente, dava. Lo scorso 17 aprile (sic !!) l’ha trovato così.

22_17apr2016 23_17apr2016 24_17apr2016 25_17apr2016

Ringraziamo gli Orti Urbani Tre Fontane che con grande solidarietà ci hanno accolto e ora con fatica ricostruiamo l’orto come in quel lontano 6 settembre 2010.  Qualcuno in meno e un po’ più vecchi ma si sa…

DSCN0001.pan

l’area del nuovo orto

… fortuna audaces iuvat!

DSCN5501

Traslocare

1

Posted by francesca de dominicis | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 11-02-2016

Tag:,

Quando è il momento di traslocare tutto intorno sembra rompersi. Succede sempre. Invece EutOrto trasloca perché tutto è stato rotto.

Qualche giorno fa abbiamo espiantato gli alberi e le perenni che negli anni avevamo piantato in quel nostro giardino.  Ecco un po’ di immagini. Comunque piene di energia positiva, quella giusta per ricominciare. Dove?

A presto con gli aggiornamenti.

dbe73bcfe1eb6d92b7a90af976b82f14 IMG_9828 IMG_9829 IMG_9830 IMG_9831

EutOrto. Punto.

3

Posted by francesca de dominicis | Posted in Comunicazioni, Diario, Eventi | Posted on 18-01-2016

Tag:, ,

Buongiorno mondo, finalmente ci sono riusciti… e via il cancello e la casetta. Non possiamo dire che non ce lo avessero promesso!

EutOrto è invitato non gentilmente a trovarsi un’altra casa. Forse è meglio anche per noi che necessitiamo di una piccola oasi dove ritrovarci e stare sereni non di un ambiente malsano.

Sono immagini dolorose. Anche se negli ultimi tempi, dopo il distacco dell’acqua, molti di noi hanno avuto difficoltà a lavorare in quelle condizioni, la comunità che abbiamo creato 6 anni fa è ancora viva e unita. Abbiamo bisogno di amore non di odio. Di fratellanza non di ostilità.

La solidarietà ce l’hanno dimostrata in molti. EutOrto è EutOrto ovunque. Punto.

Image00001 Image00002 Image00003 Image00004 Image00005 Image0006

Usciamo dai nostri orti

0

Posted by francesca de dominicis | Posted in Diario, Eventi, Persone | Posted on 27-11-2015

Tag:

20151119_105642

E’ sempre bello coinvolgere i piccoli sulla passione del coltivare la terra ed è per questo che abbiamo accettato con piacere di partecipare dal 16 al 19 novembre all’iniziativa “Ort Attack”, promossa dal Centro Commerciale HAPPIO e rivolta agli studenti delle scuole primarie e secondarie di Roma.

L’evento, sotto il patrocinio dell’Assessorato alle politiche educative e scolastiche e della nostra Associazione EutOrto, è stato pensato per offrire ai giovanissimi l’opportunità di conoscere e praticare l’Urban Gardening, l’ultima tendenza in fatto di coltivazione di ortaggi ed erbe aromatiche, diffusissima proprio nelle città e nelle metropoli.

L’iniziativa ha coinvolto e divertito più di 400 bambini/ragazzi, oltre a numerosi ragazzi diversamente abili che, con i loro operatori, si sono incuriositi e hanno raggiunto il centro commerciale durante lo svolgimento dei laboratori di messa a dimora delle piantine, aiutando così le scolaresche ad allestire il giardino verticale.

Le classi che hanno aderito, sono stati invitati in Galleria dove è messo a loro disposizione il materiale necessario per coltivare ortaggi, erbe e piccole piante (annaffiatoi, grembiuli usa e getta, semi e piante, concimi).

Con il supporto e la supervisione di personale qualificato è stato creato un originale giardino verticale, utilizzando bottiglie di plastica da riciclare contenenti terriccio da coltivazione.

Ogni scuola ha preventivamente raccolto un certo numero di bottiglie di plastica, che raccolte nel contenitore posto in Galleria, sono state poi utilizzate per l’attività presso il Centro Commerciale

I laboratori svolti, di semina di piante orticole, travaso delle piantine ornamentali e conoscenza delle piante aromatiche e officinali hanno conciliato due temi: il riciclo della plastica e la pratica dell’orto.

Le immagini parlano per noi. Come sempre i bambini hanno una marcia in più: l’entusiasmo!

IMG_4729 IMG_4782IMG_4749

IMG_4753 IMG_4752

IMG_4758 IMG_4768 IMG_4767

Ringraziamenti

0

Posted by Marco Giovanrosa | Posted in Comunicazioni | Posted on 07-10-2015

Grazie a quanti hanno scritto per esprimere la loro solidarietà a quanto ci sta accadendo. Le vostre parole sono per noi un ulteriore stimolo a resistere alla nostra incredibile vicissitudine, ovvero il distacco dell’acqua da parte dell’Istituto Agrario proprio ad inizio primavera, a colture già avviate.
Il risulato è sotto gli occhi di tutti, nonostante i nostri sforzi di innaffiare con le taniche, la maggioranza delle colture si sono seccate.
L’orto non è abbandonato è semplicemente assetato.
Per quanto ci riguarda entro ottobre inizieremo le lavorazioni dell’orto invernale.
Non confidiamo sul ravvedimento della scuola ma sulla benevolenza di Giove Pluvio.
L’orto non si è arreso a chi lo voleva morto, e nonostante la sua sete, ha dato… poco ma ha dato, per la gioia dei veri agronomi!

orto2015 ortoVincente

 

Il bigoncio è nostro amico

6

Posted by francesca de dominicis | Posted in Diario | Posted on 07-07-2015

Tag:, , ,

Il gran caldo e la mancanza d’acqua mettono a dura prova noi e il nostro orto. Ma c’è chi nasce combattente e così lasciamo alle immagini gli sforzi fatti in campo.
Ci portiamo l’acqua da casa caricando il cofano della macchina di bigonci.

E come sempre la terra ci da una mano.

IMG_8419

IMG_8420IMG_8422

IMG_8421

IMG_8423

IMG_8424

Ci siamo riuniti per pensare ad una soluzione alternativa e abbiamo trovato solo questa: resistenza!

IMG_8405

L’ultima goccia?

2

Posted by francesca de dominicis | Posted in Comunicazioni, Diario | Posted on 10-04-2015

Tag:, ,

L’ultima volta che abbiamo scritto eravamo contenti. Tante visite all’orto ci avevano rallegrato e riempito di orgoglio. Dopo tanti furti e atti vandalici subiti (ci hanno rubato la motozappa e il decespugliatore, comprati con i pochi risparmi) sapere che ancora dopo tanti anni molti ci chiedono di parlare della nostra esperienza ci fa sentire bene, fieri del nostro orto.

Esatto, il nostro orto, così lo abbiamo sempre considerato, con affetto. Ma questo da qualche mese non è più scontato. Dopo aver subito la perdita del lavoro, e per questo aver riversato molte delle nostre energie sul progetto EutOrto, qualcuno ce lo vuole togliere. Ma lo fa in modo meschino.

Per un paio di mesi l’Agrario che ci ospita, ha avuto problemi all’impianto idrico. Era ancora inverno e non ci siamo preoccupati. Tante le piogge e l’impossibilità di iniziare i lavori di coltivazione. Ora però ci siamo accorti che tutta la scuola ha riavuto l’acqua. Gli orti dell’azienda sono bene irrigati e tutte le terre intorno, tranne noi.

Volontà o casualità? Certamente questo è un buon modo per dire chiaramente ad un contadino che non può più coltivare. L’estate arriverà presto e tutte le colture hanno bisogno di acqua. Spendere quelle poche risorse economiche per acquistare semi o piantine che vedremmo morire certo non è allettante.

Sembrerebbe proprio un modo per chiederci di andar via, togliendoci l’allaccio alla condotta dell’acqua.

Per la storia ricordiamo che 5 anni fa la scuola ha stipulato con l’allora Provincia di Roma un patto per farci stare su quel fazzoletto di terra, per dare ad un gruppo di allora cassaintegrati, ora disoccupati (quindi anche peggio!) un posto dove poter ricominciare… senza dare altro che terra.

Catarci, Peciola, il rappresentante dell'Agrario e una delegazione di EutOrto il giorno della prima zolla.

Una delegazione di EutOrto con Gianluca Peciola, Andrea Catarci e l’allora direttore Azienda dell’Agrario, il giorno della prima zolla il 6 settembre 2010.

Se qualcuno ha dato qualcosa siamo stati proprio noi che per un anno abbiamo svolto lavori per la scuola, dalla vendemmia alla raccolta delle olive, senza vedersi riconoscere nulla se non una tuta e delle scarpe da lavoro. La recinsione ce la siamo fatta da noi, la baracchetta dove ripararci anche… tutte cose che la scuola aveva sottoscritto nel progetto e mai realizzato.

Ma noi siamo sempre stati scomodi e non capiamo perché. Abbiamo capito di non essere amati e ci siamo ritirati in orto. Senza disturbare. Certo dalle nostre parti sono passati tanti fotografi, giornalisti, telecamere, scrittori. Ma anche scuole, progetti universitari italiani ed esteri. Forse questo non è piaciuto?

Se dobbiamo essere mandati via, vorremmo che fosse fatto in modo ufficiale e non attraverso gli espedienti meschini portati avanti fino ad oggi. Ne abbiamo già superate tante negli ultimi anni. Sappiamo bene come affrontare anche questi subdoli personaggi.

A costo di portarci l’acqua da casa o coltivare solo pomodori siccagni! 😉

 

Visite gradite

0

Posted by francesca de dominicis | Posted in Diario, Eventi | Posted on 04-11-2014

Tag:, , , ,

Negli ultimi giorni di ottobre abbiamo ricevuto due gradite visite. Ci piace parlare di noi, del nostro progetto, dei nostri sforzi per restare uniti e impegnati.

Il 27  sono passati a trovarci per il Gran tour degli orti condivisi 20 studenti di Antropologia dell’Università di Washington che coadiuvati dalla Casa del Cibo studiano Cultura e Politica del Cibo in Italia.

Non è la prima volta che passano da noi, ne siamo molto fieri.

2fbf10b4fbfd2ec6deb42463c44fb216

Nella foto l’accoglienza da parte di Francesca, Marco e Patrizia

Il 29 invece sono venuti i formatori del progetto Gardeniser che in Italia ha come partner il Cemea. Gloria ha condiviso con loro la nostra storia e Julien, uno dei formatori francesi, ci ha inviato per ringraziarci un suo schizzo del nostro orto.

EUTORTO

Ringraziamo tutti per l’attenzione e per l’affetto che sempre ci riservate. Dandoci spazio e parola, ascoltando e non dando nulla per scontato.

Queste sono le visite che ci piacciono non quelle notturne e vandaliche dell’ultimo anno.

Buon ferragosto!

1

Posted by francesca de dominicis | Posted in Diario | Posted on 15-08-2014

Tag:,

Il Ferragosto cos’è per voi?
Il termine Ferragosto deriva dalla locuzione latina feriae Augusti (riposo di Augusto) indicante una festività istituita dall’imperatore Augusto nell’8 a.C. che si aggiungeva alle esistenti e antichissime festività cadenti nello stesso mese, come i Vinalia rustica o i Consualia, per celebrare i raccolti e la fine dei principali lavori agricoli. L’antico Ferragosto, oltre agli evidenti fini di auto-promozione politica, aveva lo scopo di collegare le principali festività agostane per fornire un adeguato periodo di riposo, anche detto Augustali, necessario dopo le grandi fatiche profuse durante le settimane precedenti. [fonte Wikipedia]
Noi abbiamo deciso di dividere il nostro raccolto con chi resta in città.
Tutto EutOrto vi augura buona estate e buon riposo.
A presto.

Consegna 2

La squadra di consegna selfie-dipendente (Franca, Raffaele, Gloria e Francesca) e le mani operose.

La nostra goccia nel mare

0

Posted by francesca de dominicis | Posted in Diario | Posted on 24-06-2014

Foto reportage dalla raccolta alla consegna.
Senza parole, solo immagini.

Gli ortaggi di EutOrto

Gli ortaggi di EutOrto

esterno
accoglienza
raffaele

La squadra dei volontari

I volontari eutortini Patrizia, Raffaele, Gloria con gli ortaggi e i giocattoli

con i rifugiati

fotografie e testi © copyright EutOrto 2010 - 2015 tutti i diritti riservati

Associazione di promozione sociale “EutOrto” CF:97769110582